• Quanto sei circolare? Webinar e NUOVO SERVIZIO di Check-up della circolarità per le Aziende Associate

    29 febbraio 2024
  • Quanto sei circolare? Webinar gratuito il 26 febbraio

    09 febbraio 2024
  • Tassonomia EU: pubblicato il Regolamento 2023/2486

    01 dicembre 2023
  • GreenItaly 2023: 36 le aziende del Legno-Arredo citate e che continuano a lavorare nella loro progressione green

    02 novembre 2023
  • Possibilità di cofinanziamento per progetto di rigenerazione degli habitat naturali

    03 luglio 2023
  • "LksG" – La legge sugli obblighi di approvvigionamento della catena di fornitura tedesca

    13 giugno 2023

    "LksG" – La legge sugli obblighi di approvvigionamento della catena di fornitura tedesca

    13 giugno 2023

    La Germania ha emanato la legge sugli obblighi di approvvigionamento della catena di fornitura "Lieferkettensorgfaltspflichtengesetz" (LksG) nel luglio 2021. Sebbene la legge interessi in prima istanza le aziende che hanno sede legale, sede principale, sede amministrativa, sede di servizio o una succursale in Germania, la Lksg ha un impatto anche su fornitori diretti e indiretti coinvolti nella catena di fornitura e dunque anche sulle aziende italiane. La legge è entrata in vigore da gennaio 2023 per le aziende con almeno 3.000 dipendenti e dal 2024 si applicherà anche alle aziende con più di 1.000 dipendenti. 
    L'obiettivo di questa norma è migliorare la protezione dei diritti umani e dell'ambiente nelle catene di approvvigionamento globali. La legge stabilisce che alcuni obblighi di diligenza devono essere ribaltati “a cascata” sui fornitori dell’azienda attraverso specifici obblighi contrattuali:
    1. Istituzione di un sistema di risk management
    2. Conduzione di un’ analisi del rischio
    3. Previsione di misure di prevenzione
    4. Adozione di misure correttive
    5. Istituzione di meccanismi di denuncia
    6. Obblighi di comunicazione e documentazione
    Il controllo è stato affidato all’Ufficio Federale per l’Economia e il Controllo delle Esportazioni (Bundesamt für Wirtschaft und Ausfuhrkontrolle, BAFA) di Francoforte. Le aziende tedesche ed i loro fornitori diretti saranno dunque tenuti a verificare l'intera filiera, con pene, per le aziende tedesche, di tipo pecuniario ma che arrivano fino all’esclusione dall'assegnazione di appalti pubblici (per violazioni accertate con sentenza definitiva).
    Le aziende tedesche soggette alla norma imporranno ai loro fornitori diretti di:
    • accettare specifici nuovi obblighi contrattuali
    • rispettare misure di prevenzione
    • applicare i principi di dovuta diligenza anche nei confronti dei propri fornitori
    • accettare e implementare meccanismi di monitoraggio
    • accettare la conduzione di audit da parte dell’azienda tedesca o di una terza parte
    • accettare obblighi di manleva/risarcimento in caso di sanzioni.

    Non vi sono organismi tedeschi a cui le aziende italiane occorre si interfaccino, il rapporto resta con il cliente tedesco che ricade nell’obbligo e sarà legato a vincoli informativi e contrattuali sopra citati.

    In allegato il testo della norma per approfondimenti.

    Per eventuali delucidazioni potete contattare l’ufficio Ambiente e Economia Circolare

    Allegati
  • Webinar/evento: Sostenibilità, qual è il suo vero significato oggi?

    13 giugno 2023
  • Webinar sul passaporto digitale dei prodotti (DPP)

    08 giugno 2023
  • Tassonomia ambientale europea per le attività sostenibili

    09 maggio 2023
  • Regolamentazione europea sui prodotti sostenibili

    08 maggio 2023
  • Rapporto GreenItaly 2022: 33 le aziende del legno-arredo citate

    26 ottobre 2022
  • Green claim e Greenwashing: le opportunità di comunicazione e i rischi per le imprese

    03 ottobre 2022
  • Mise - Online il portale incentivi

    14 giugno 2022
  • Rapporto periodico della sostenibilità ambientale dell’industria italiana

    07 febbraio 2022
  • Pubblicato il Rapporto Green Italy 2021

    22 ottobre 2021
  • Rapporto Green Italy 2021 – Raccolta best practice

    20 maggio 2021
  • Rapporto Green Italy 2020 – 46 le aziende del legno-arredo citate come buone pratiche ambientali.

    03 novembre 2020
  • Convegno “Made Green in Italy: la certificazione italiana dell’impronta ambientale”

    06 dicembre 2019
  • Progetto Best Performer dell’Economia Circolare per la filiera legno-arredo

    26 novembre 2019
  • Rapporto Green Italy 2019 – IX Edizione

    29 ottobre 2019
  • Approvato Il Decreto Clima: Un impulso per la nascita di foreste urbane e periurbane

    17 ottobre 2019
  • 5° Rapporto dello stato generale della Bioeconomia in Europa

    08 aprile 2019
  • Misurare le performance ambientali dei prodotti per migliorarne la competitività: l’analisi del ciclo di vita (LCA)

    04 aprile 2019
  • “Gli strumenti di misurazione dell’economia circolare” – Percorsi formativi per le aziende dalla CCIIAA di Milano

    11 febbraio 2019
  • Sviluppi del Progetto LIFE-EFFIGE nel settore del legno-arredo

    22 gennaio 2019
  • Bioeconomia: una nuova strategia per un'Europa sostenibile

    15 gennaio 2019
  • Pubblicato il Rapporto Green Italy 2018

    30 ottobre 2018
  • Pubblicato il Rapporto Green Italy 2017

    26 ottobre 2017
  • Pubblicato il Rapporto Green Italy 2016

    27 ottobre 2016
  • Ambiente Cucina (agosto/sett 2012): La ricetta della sostenibiità

  • FederlegnoArredo sostiene il progetto QUAM