• Aggiornamenti e novità per il ritiro dei mobili usati in fase di consegna del nuovo

    25 luglio 2019

    Aggiornamenti e novità per il ritiro dei mobili usati in fase di consegna del nuovo

    25 luglio 2019

    Il Comitato Nazionale dell’Albo dei Gestori Ambientali, l’organismo che regola le autorizzazioni al trasporto di rifiuti sia conto terzi che conto proprio, ha ritenuto utile estendere la possibilità di utilizzare anche il codice EER 20.03.07 (rifiuti ingombranti) nelle iscrizioni “semplificate” della categoria 2-bis delle imprese che, nell’ambito della loro attività di commercio di beni si trovano a dover trasportare come rifiuti ingombranti per i quali viene chiesto il ritiro.
    Questa necessità deriva dalle numerose richieste che sono pervenute al Comitato Nazionale a seguito della necessità di ritiro e trasporto di articoli e materiali che non provenissero esclusivamente “da attività di cantiere edile connessa all’attività di costruzione e demolizione”.
    Già da qualche anno, infatti il Comitato Nazionale aveva stabilito che i rifiuti ingombranti, qualora prodotti nell’ambito delle attività dell’impresa edile, potessero essere trasportati dall’impresa stessa con l’iscrizione semplificata all’Albo ai sensi dell’Art.212, comma 8, del D.lgs 152/06, utilizzando il codice EER 20.03.07. In questi casi le sezioni Regionali riportano nei provvedimenti di iscrizione o variazione dell’iscrizione, a fianco di detto codice, la seguente annotazione: “proveniente da attività del cantiere edile connessa all’attività di costruzione e demolizione”.

    Con la nuova circolare (Prot. 0000006/RIN del 10 luglio 2019) il Comitato ha ritenuto che in analogia ai rifiuti derivanti da attività e processi edilizi, lo stesso codice di rifiuti 20.03.07 possa essere esteso e attribuito nella categoria 2-bis alle imprese che svolgono in conto proprio l’attività di vendita, produzione, montaggio di mobili da cucina, di arredamento in genere e complementi di arredo e simili, allargando così la platea degli articoli (es. materassi, mobili..) che possono essere ritirati e trasporti direttamente dall’azienda produttrice o da enti terzi delegati dall’aziende stessa attraverso questa modalità semplificata.Questa modifica, unitamente alla revisione in corso del d.lgs 152/06 (Testo unico ambientale) legata al recepimento del pacchetto di direttive sull’economia circolare, potrebbe contribuire a normalizzare la fase di ritiro contestuale dell’usato, fase sempre più richiesta dai consumatori e con la necessità di essere rivista anche alla luce dei nuovi sviluppi tecnici di settore.
    Nei provvedimenti d’iscrizione, di rinnovo dell’iscrizione o di variazione dell’iscrizione, a fianco del codice 200307 dovrà essere riportata, la seguente annotazione: “proveniente da attività di vendita, produzione e montaggio di mobili da cucina, di arredamento in genere e complementi di arredo e simili.” 


    L’albo Gestori Ambientali e la procedura di iscrizione alla Categoria 2-bis
    L'Albo gestori ambientali è l'Albo nazionale delle imprese che effettuano la gestione dei rifiuti. È disciplinato dal D. Lgs 152/06 e s.m.i. e dal D. Lgs 120/14 entrato in vigore il 07/09/2014 e sono soggette all’iscrizione tra le varie categorie anche le aziende che effettuano la raccolta dei rifiuti in conto proprio.

    L'articolo 212, comma 8, del D. Lgs. n. 152/2006, successivamente sostituito dall’art. 2, comma 30, del D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4, stabilisce che le imprese che esercitano la raccolta e il trasporto dei propri rifiuti non pericolosi come attività ordinaria e regolare nonché le imprese che trasportano i propri rifiuti pericolosi in quantità che non eccedano trenta chilogrammi al giorno o trenta litri al giorno:

    1. non sono tenute alla prestazione delle garanzie finanziarie;
    2. sono iscritte in un’apposita sezione dell'Albo nazionale gestori ambientali (Categoria 2-bis) in base alla presentazione di una comunicazione alla sezione regionale o provinciale dell’Albo territorialmente competente, il quale è tenuto a rilasciare il relativo provvedimento entro i successivi 30 giorni.

    Per l’iscrizione sono richiesti il pagamento di una tassa di concessione governativa di 168 euro oltre a diritti di segreteria e bollo (10 e 16 euro).

    Con l’iscrizione all’Albo Nazionale dei gestori ambientali (Categoria 2-bis) l'interessato attesta sotto la sua responsabilità i seguenti dati necessari alla finalizzazione dell’iscrizione:

    1. La sede dell'impresa, l'attività o le attività dai quali sono prodotti i rifiuti;
    2. Le caratteristiche, la natura dei rifiuti prodotti;
    3. Gli estremi identificativi e l'idoneità tecnica dei mezzi utilizzati per il trasporto dei rifiuti, tenuto anche conto delle modalità di effettuazione del trasporto medesimo;
    4. L'iscrizione è subordinata alla corresponsione di un diritto annuale di iscrizione pari a 50 euro con Il versamento del diritto annuale di iscrizione da effettuare entro il 30 giugno di ogni anno;
    5. Validità dell’iscrizione all’Albo Gestori Ambientali della durata di 10 anni, a decorrenza della quale viene rinnovata l’iscrizione, presentando un'autocertificazione, resa alla sezione regionale o provinciale, ai sensi del D.p.r. 445/2000, che attesti la permanenza dei requisiti previsti;

    L'impresa e' tenuta a comunicare ogni variazione intervenuta successivamente all'iscrizione. 

    PER ULTERIORI INFORMAZIONI:
    Omar.degoli@federlegnoarredo.it
    Ufficio.ambiente@federlegnoarredo.it




  • Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per il 2019

    22 marzo 2019
  • Soppressione del SISTRI da Gennaio 2019: una vera semplificazione per le imprese

    18 dicembre 2018
  • Sistri, Mud, Albo gestori – scadenze ambientali di aprile

    26 aprile 2018
  • Proroga operatività Sistri e nuovo modello MUD

    10 gennaio 2018
  • I sottoprodotti – Una guida pratica alla dimostrazione dei requisiti

    21 novembre 2017
  • Nuovi requisiti per il responsabile tecnico nelle imprese di gestione rifiuti.

    28 giugno 2017
  • Classificazione rifiuti: si torna alle regole europee, e arrivano chiarimenti su caratteristica di ecotossicità (H14)

    28 giugno 2017
  • Sistri, MUD, E-PRTR – Albo Gestori ambientali – Recupero rifiuti – Le scadenze di aprile

    27 aprile 2017
  • Sistri – Proroga sanzioni per corretto utilizzo

    10 gennaio 2017
  • Rischio di avvio del sistema sanzionatorio SISTRI da gennaio 2017 in mancanza di interventi legislat

    Sistri – In mancanza di proroga, sanzioni dal 1 gennaio 2017

    13 dicembre 2016
  • Sistri - nuovo decreto e nuovo (futuro) sistema

    20 giugno 2016
  • Scadenze ambientali 30 aprile: pagamento contributo Sistri e dichiarazione emissioni E-PRTR 2016

    22 aprile 2016
  • Mud 2016 (dati 2015) – Scadenza e istruzioni

    07 aprile 2016
  • Approvazione DL Milleproroghe – riduzione sanzioni SISTRI

    01 marzo 2016
  • SISTRI – Proroga a fine 2016 per sanzioni relative a incorretto o mancato utilizzo

    08 gennaio 2016
  • SISTRI – Nessuna certezza per il 2016 – Operatività dal 1 gennaio in mancanza di proroghe

    21 dicembre 2015
  • Partenza il 1 giugno

    Nuovi criteri di classificazione dei rifiuti

    28 maggio 2015
  • Sistri: il punto su iscrizione, pagamento e aggiornamento portale

    27 aprile 2015
  • Scadenze ambientali di aprile: MUD, Sistri, E-PRTR

    21 aprile 2015
  • Sistri – Nuova proroga sanzioni

    04 marzo 2015
  • Rifiuti – Modifiche nella modalità di classificazione

    10 febbraio 2015
  • Sistri – Slittamento sanzioni – situazione 2015

    07 gennaio 2015
  • Sistri – Partenza il 1 gennaio 2015 in mancanza di proroghe

    17 dicembre 2014
  • Nuove regole per trasporto rifiuti conto proprio e banca dati Albo Gestori Ambientali

    16 settembre 2014
  • Sistri - Pagamento contributi 2014 entro il 30 giugno per i soggetti obbligati

    06 giugno 2014
  • Sistri – La storia infinita

    29 aprile 2014
  • Registro emissioni – dichiarazione entro il 30 aprile

    23 aprile 2014
  • Pagamento contributo Sistri 2014 – la situazione

    16 aprile 2014
  • MUD 2014 – Qualcosa di vecchio, qualcosa di nuovo

    25 marzo 2014
  • Sistri – Niente sanzioni fino a dicembre

    04 marzo 2014
  • Sistri – Ancora tu? Si ricomincia dal 3 marzo

    17 febbraio 2014
  • MUD 2014 – Nuovo modello

    09 gennaio 2014
  • Albo gestori ambientali, aggiornate le modalità di trasmissione e gestione telematiche.

    17 ottobre 2013
  • SISTRI – Circolare del Ministero dell’Ambiente sull’avvio del sistema

    01 ottobre 2013
  • Rifiuti: operatività Sistri da ottobre 2013 solo per gestori e trasportatori

    10 settembre 2013
  • SISTRI: definiti i nuovi termini per la ripartenza del "sistema"

    19 aprile 2013
  • SISTRI: novità dal Ministero dell'Ambiente

    01 marzo 2013
  • MUD: pubblicato il modello 2013

    29 dicembre 2012
  • Sospensione SISTRI e altre misure ambientali

    DECRETO "SVILUPPO"

    22 giugno 2012
  • capacità finanziaria per l'iscrizione dei traspostatori di rifiuti

    Albo gestori ambientali

    04 aprile 2012
  • SISTRI - novità normative e proroghe

    29 dicembre 2011
  • Il sistema informatico di tracciabilità dei rifiuti - SISTRI

    26 aprile 2011
  • Lista Codici CER

    11 ottobre 2010