FEDECOMLEGNO
Associazione nazionale degli importatori, dei commercianti e degli Agenti di materia prima legno, derivati e semilavorati

Dati di importazione primo semestre 2021

11 ottobre 2021

I SEGATI DI CONIFERA le importazioni di segati di conifere nel primo semestre del 2021 sono aumentate del 61,6% in valore e soltanto del 16,4% in metri cubi (25,1% le tonnellate) segando un forte aumento dei prezzi all’import, passati da 196€/m3 a 272. E’ anche utile considerare che nel primo semestre 2019 erano stati importati 2,4 milioni di metri cubi di segati di conifere, scesi a 1,8 nel gennaio-giugno 2020 con alcuni mesi di lockdown, nel primo semestre 2021 sono soltanto 2 milioni i metri cubi importati con un gap di 330 mila metri cubi circa sul 2019. L’Austria è sempre il primo fornitore con oltre la metà dei segati importati.

Le importazioni di SEGATI TROPICALI da gennaio a giugno del 2021 rimangono agli stessi livelli del 2020 (-1,1% in metri cubi), mentre in valore le importazioni sono calate del 21,5%. Camerun, Myanamar e Gabon restano i primi tre fornitori di segati tropicali. 

I SEGATI DI LATIFOGLIE TEMPERATE invece hanno recuperato i livelli di import del 2019 con 240.878 metri cubi importati e un gap di circa 15.000. La variazione del primo semestre 2021 sul 2020 in valore è +29,2%, molto simile a quella in metri cubi (29,7%), confermando prezzi stabili. La Croazia si conferma il primo fornitore con oltre 37 milioni di euro, davanti a Stati Uniti e Ungheria.

Il LEGNO LAMELLARE conferma l’andamento del primo trimestre in forte crescita (+94,7% in valore e +65,4 le tonnellate), anche confrontando il 2019 le importazioni sono aumentate. In forte crescita tutti i primi 10 paesi con l’eccezione della Croazia.

Tra i fenomeni che si confermano nel primo semestre rispetto ai primi mesi del 2021 anche il calo delle importazioni di TRONCHI TROPICALI che nei primi sei mesi del 2021 hanno perso il 70,8% in valore e il 72,5% in volume.

Le importazioni di TRONCHI DI CONIFERE e LATIFOGLIE TEMPERATE aumentano invece del 30% circa sul 2020 in valore.

Nelle importazioni di PANNELLI, in generale, si registra una forte tensione nei prezzi all’import che nell’ultimo dato disponibile (giugno 2021) ha raggiunto il suo apice.

Le importazioni di PANNELLI DI PARTICELLE crescono del 44,8% in valore nel primo semestre 2021 (+25,9% in metri cubi), l’Austria è l’unico paese tra i primi 3 ad essere ritornato ai livelli di import in valore del 2019.

Crescita simile anche per le importazioni di PANNELLI DI FIBRA (+39,3% in valore e +27,4% in volume). Tutti i principali paesi fornitori crescono a doppia cifra con l’eccezione della Francia.

Crescita delle importazioni anche di COMPENSATI (+43,7% in valore e +28% in volume) spinte da Russia, Brasile, Spagna e Finlandia.

Di seguito sono disponibili le tabelle con i dati di dettaglio per le singole categorie di prodotto.

Dati