FEDECOMLEGNO
Associazione nazionale degli importatori, dei commercianti e degli Agenti di materia prima legno, derivati e semilavorati
  • Inverno 2019/20

    Newsletter European Timber Trade Federation

    05 febbraio 2020
  • Novembre 2019

    Dati di Importazione gennaio – giugno 2019

    14 novembre 2019
  • 9 luglio 2019

    Fedecomlegno incontra il Malaysian Timber Council

    09 luglio 2019
  • Giugno 2019

    Dati di Importazione gennaio – marzo 2019

    08 luglio 2019
  • Giugno 2019

    Dati di Importazione gennaio – dicembre 2018

    08 luglio 2019
  • NEPCon 2019

    Report su schemi di certificazione FSC & PEFC

    19 aprile 2019
  • Report di aggiornamento sulla Brexit

    19 aprile 2019

    Report di aggiornamento sulla Brexit

    19 aprile 2019

    Brexit: cosa accade ora?
    L'UE e il Regno Unito hanno concordato un ulteriore rinvio della Brexit fino al 31 ottobre 2019. Il Regno Unito ha ora poco più di sei mesi per decidere cosa intende fare. I ministri del governo inglese continuano i colloqui con i leader del partito laburista per cercare di trovare un accordo, un compromesso. Il governo nel frattempo è impegnato per cercare di lasciare l’Unione Europea con un accordo e che questo avvenga il più in fretta possibile. Se il piano di compromesso non dovesse produrre risultati, potrebbero accadere molte cose.
    Cosa accade in caso di “no deal”?
    Questo è lo scenario che l’industria britannica sta cercando di evitare, in cui il Regno Unito perderebbe un ruolo importante dall’unione doganale, al mercato unico e su tutti gli altri meccanismi che facilitano il commercio e le condizioni economiche.La Timber Trade Federation mantiene i suoi membri aggiornati con informazioni pratiche su cosa fare in caso di mancato accordo. La Federazione inglese offre la possibilità a Fedecomlegno di visualizzare al presente link tutte le informazioni necessarie.
    Gli impatti principali per i commercianti/esportatori nel Regno Unito saranno legati alle questioni relative all’Unione doganale: ritardi, difficoltà e costi per ottenere merci oltre il confine nel Regno Unito. Questo non accadrà solo per il legname, ma anche per altri beni. Potrebbe anche significare che le potenziali tariffe vengano imposte immediatamente in linea con le regole della WTO (Organizzazione Mondiale del Commercio). Per la maggior parte dei prodotti in legno tenero, le tariffe sono pari a zero o vicine allo zero. Tuttavia, per i prodotti a pannelli, i legni resinosi laminati e altri prodotti "fabbricati" si applicano le tariffe. A questo link una tabella completa con tutte le tariffe.
    Tuttavia, nel Parlamento del Regno Unito non vi è alcuna maggioranza per il "no deal" visto i danni incalcolabili che causerebbe all'economia.
    Impatti attuali sul commercio dalla negoziazione in corso 
    I ritardi di qualsiasi progresso nel portare avanti l'accordo hanno messo sotto pressione tutti i settori di attività. Gli investimenti sono diminuiti e molti settori sono entrati in recessione, mentre altri sono stabili. Molti settori che dipendono dalle importazioni nella loro catena di approvvigionamento sono stati invitati a prendere "misure di emergenza", vale a dire immagazzinare merci per superare le carenze derivanti da qualsiasi caos durante il periodo iniziale della Brexit. 
    Naturalmente molti importatori di legname e di prodotti a base legno hanno già operato in questo senso. Porti come Tilbury, Shoreham, Sheerness e altri importanti siti per le importazioni di legno tenero, vedono il legname stoccato e immagazzinato a tal punto che è difficile rimuoverlo dal porto. I camion sono in difficoltà per entrare o uscire dai siti portuali, gli ingorghi sono frequenti e ci sono ritardi nello spostamento di merci. 

    Qui di seguito le statistiche di gennaio e febbraio sul legname e sui prodotti a base legno sviluppati dalla TTF.

    Documenti
  • Marchio “Fair & Precious” ATIBT

    18 aprile 2019
  • 2017/2018

    Primo rapporto nazionale sullo stato delle foreste e del settore forestale in Italia

    18 aprile 2019
  • Aprile 2019

    OPEN TIMBER PORTAL & TIMBER TRADE PORTAL: strumenti per la Due Diligence

    17 aprile 2019
  • Gennaio 2019

    Dati di Importazione gennaio – settembre 2018

    22 gennaio 2019
  • EU FLEGT Facility, 18 settembre 2018

    L’Indonesia migliora le procedure di licenza FLEGT

    04 ottobre 2018
  • VOA Afrique, 26 settembre 2018

    Il Gabon ritirerà i permessi forestali agli operatori non impegnati in un processo di certificazione.

    04 ottobre 2018
  • giugno – agosto 2018

    Nota informativa sviluppata da UN Environment World Conservation Monitoring Centre sul Regolamento EUTR

    02 ottobre 2018
  • Ottobre 2018

    Dati di Importazione gennaio – giugno 2018

    02 ottobre 2018
  • Luglio 2018

    Dati di Importazione gennaio – dicembre 2017

    31 luglio 2018
  • Giugno 2018

    STATUS FLEGT – VPA

    02 luglio 2018
  • 20 giugno 2018 di Massimo Fiorini

    Webinar, Certificazioni di catena di custodia dei prodotti forestali a base legno: opportunità di business e miglioramento aziendale.

    26 giugno 2018
  • Nuovo Studio per la Commissione Europea sull’applicazione dell’EUTR.

    Una non equa applicazione dell’EU Timber Regulation crea delle scappatoie per il legno illegale

    15 giugno 2018
  • A Nantes il Salone Europeo per i prodotti dedicati al legno

    Appuntamento il 30 maggio con il Carrefour du Bois

    15 maggio 2018
  • La piattaforma web dell’Associazione Tecnica Internazionale del Legno Tropicale

    My Tropical Timber

    09 aprile 2018
  • Dal 25 maggio entrerà in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati

    Dalla privacy alla data protection

    09 marzo 2018
  • Dal nostro Centro Studi il report completo

    EUTR 2017: le importazioni di legno della UE

    08 marzo 2018
  • Dati di importazione gennaio-settembre 2017

    11 gennaio 2018
  • Una nuova guida all’uso del legno tropicale

    06 marzo 2017
  • Importazioni di segati di frassino provenienti dagli USA

    24 febbraio 2017